Benvenuti... leggete e lasciate un commento, è sempre ben accetto!
... e se ne avete voglia date un'occhiatina al mio album di fotografie

lunedì 20 aprile 2009

Pan per focaccia!

Freme-Blog è “non solo fotografia”, giusto? E allora un po’ di sana concorrenza alla mia fidanzata cuciniera di leccornie con questa delizia made by MAISELF…

DSC01457

FOCACCIA CON POMODORI E OLIVE,

liberamente ispirata alla "Focaccia in salamoia con pomodorini" di Virginia…

La ricetta la copio-incolo, sperando non me ne voglia la pluricitata autrice.

************************************************************

Focaccia in salamoia con pomodorini
per 6 persone [secondo me, anche per 8]
per la focaccia
800g farina 00
200g manitoba
300g
lievito madre
mezzo litro di acqua oligominerale
25g di burro
75g olio evo
15g sale integrale marino grosso [per me, sale grigio di Guerande]
per la salamoia
300g acqua oligominerale
100g olio evo
50g sale marino integrale grosso
Pomodorini tagliati in due


Sciogliere l'acqua e il lievito madre per circa 5 minuti. Aggiungere la farina, l'olio e il burro sciolto a temperatura ambiente. Impastare con un robot da cucina dotato di spirale, a velocità 2 per circa 5 minuti. Aggiungere il sale solo all'ultimo. Coprire con un canovaccio e lasciare riposare per un'ora. Stendere l'impasto omogeneamente in una teglia media da forno, dopo aver dato un giro di pieghe. Ricoprire la focaccia con la salamoia. Far lievitare per 5 ore. Aggiungere i pomodorini e infornare per 25-30 minuti a 220 gradi. Per ottenere la salamoia miscelare l'acqua con l'olio e il sale.
N.B.:Per quanto riguarda la cottura, è importante riuscire a far "respirare" la parte sotto che, data la salamoia, rimarrebbe troppo umida. Quindi consiglio, verso la fine, di toglierla dalla teglia e terminare la cottura sulla griglia.
Una volta uscita dal forno, ne ho leggermente spennellata la superficie con un po' d'olio d'oliva e spolverata con dell'origano.”

Tratto da http://spilucchino.blogspot.com

************************************************************

Le uniche variazioni sul tema che ho inserito sono i pomodori che hanno sostituito gli odiosi pomodorini (dico odiosi perchè ritengo che i pomodorini siano la causa di quasi ogni sciagura apparsa sulla faccia della terra) col loro sapore dolciastro capace di sciupare ogni ricetta che un pomodorio serio esalterebbe! Ho aggiunto anche le olive ma devo trovare un modo per farle stare appiccicate all’impasto… non ho voluto premere troppo perchè avevo paura di sgonfiarlo.

Questa è stata la prima ricetta in cui ho usato la mia nuova bestiolina: <rullo di tamburi> il…LIEVITO MADRE! Finalmente, dopo n esperimenti miseramente falliti, sono riuscito a dar vita a questo portento seguendo la video-ricetta di "La Cucina Italiana". Ho saltato solo il passaggio della cartina tornasole perchè non sapevo dove comprarla. Mi sono basato sulla dimensione degli alveoli e sul colore della pasta (nonchè su una buona dose di c**o) per decidere che l’acidità era giusta. E in effetti il sapore della focaccia era FANTASTICO.

Unica nota fotografica… la foto sopra va contro gli insegnamenti dei fotografi di cucina, che consigliano di illuminare il soggetto dal retro. Ho provato, ma il risultato è più invitante e “naturale” (come la lievitazione della focaccia) utilizzando la luce ambiente…

Che dire? Vado a controllare i panini con l’uvetta che ho messo a gonfiare… incrocio le dita e

BUON APPETITO!